0 Italiano English German

0831 981545

ArticoloHVai alla Home

Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento

Puglia. Tra Carovigno, Ceglie Messapica e San Vito dei Normanni, una visita letteralmente

27/04/2017 – 09:30:00  – Fonte: www.repubblica.it

indietro
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 1


«Torre Guaceto è un posto magico». Lo ha ripetuto più volte la cantante Elisa che ha girato il video clip del suo successo "Bruciare per Te" tra queste spiagge, passando per le ampie di sabbia, alle rocciose con alghe nere. «Sembrava uno scorcio di Cornovaglia, un paesaggio nordico», ha detto. E chiunque arrivi qui, in quest'angolo di Alto Salento - sia se c'è il sole o una leggera pioggerellina, perché capita che piova anche in Puglia - resta affascinato dal paesaggio. Si avverte subito di essere "altrove", lontano nel tempo. Un altrove che ti colpisce per immagini: lo sguardo spazia da una parte sul verde della pianura e dall’altra sull’azzurro del mare Adriatico. Siamo nell'Area Marina Protetta gestita dal WWF, in provincia di Brindisi, la Riserva Torre Guaceto, un paradiso di macchia mediterranea ancora intatto che corre lungo otto chilometri di costa (ingresso gratuito nel rispetto della natura). E nel mezzo spicca la Torre Aragonese Torre Guaceto (dà il nome all’intera aerea), una torre d'avvistamento a pianta quadrata, con tre caditoie con archetto per lato, costruita nel XIV secolo a opera di Carlo d’Angiò per contrastare gli sbarchi dei Saraceni.

All'interno conserva l’imponente installazione storico-artistica di una nave romana, utilizzata per il trasporto di olio e vino nelle anfore di terracotta e realizzata da uno dei più famosi maestri d’ascia in Italia, Mario Palmieri (visitabile su prenotazione). Tante le attività organizzate dal Consorzio di Gestione: escursioni guidate a piedi e in bici alla scoperta dei diversi habitat della riserva, attività subacquee (snorkeling e immersioni) per esplorare i ricchi fondali dell’area marina protetta e poi le lezioni di vela nella bella spiaggia di Punta Penna Grossa, Bandiera Blu. Presso il Centro Visite Al Gawsit (è la parola araba "luogo dell'acqua dolce" da cui deriva Guaceto, perché sorge nei pressi di un fiumiciattolo di acqua sorgiva) c'è il Museo della Riserva, dove ammirare virtualmente gli ambienti del parco. Si scopre pure che le acque sono ricche di tanti cavallucci marini, una rarità. Il territorio agricolo della Riserva è diventato pure protagonista di un progetto per la produzione de L’Oro del Parco, l’olio extravergine di oliva da agricoltura biologica da ulivi secolari della varietà Ogliarola Salentina.

Nei dintorni, si trova l'azienda Calemone, che insieme all’Ente Parco di Torre Guaceto e Slow Food Alto Salento ha deciso di tornare a valorizzare le coltivazioni storiche, tra cui il pomodoro fiaschetto in biologico, presidio Slow food, il cui nome si rifà alla forma ovale che ricorda vagamente un fiasco di vino. Per rilassarsi c'è la spiaggia di Pantanagianni con lettini e ombrelloni messi a disposizione dal Reverse Hotel, un hotel semplice ma accogliente in mezzo agli ulivi.

Una curiosità? Torre Guaceto grazie alla sua splendida posizione riesce a vedere tutte le altre torri del territorio di Carovigno. Sparse qua e là ce ne sono ben quattordici. Un'altra spettacolare da non perdere è Torre Santa Sabina. È una delle tre torri, in Italia, ad avere la Pianta Stellare detta anche “a cappello di prete” con i quattro spigoli orientati verso i punti cardinali e il coronamento merlato.

Ma come si comunicava tra gli "abitanti" delle torri? Durante le incursioni turche, Torre Guaceto e Torre Santa Sabina lo facevano attraverso un piccolo falò acceso dai soldati. Era quello il segnale di avvistamento per avvertire dell'avvicinarsi del nemico proveniente dal mare. Molte altre si trovano nel territorio di Carovigno, cittadina di origini messapiche (ritrovamenti ne accertano l’esistenza già nell’VIII secolo a. C.), che colpisce per il bianco abbacinante delle case e gli stretti vicoli. Tra queste, c'è Torre Gironda a forma circolare e in parte nascosta nell’abitato del centro storico. Al suo interno c'è un forno che un tempo riforniva il castello (da assaggiare dolcetti e taralli) o la Torre dell'Orologio, detta civica, perché a fianco c'erano le insegne civiche della città. Mentre si passeggia, si scopre all'improvviso la trecentesca Chiesa Madre dedicata all’Assunta. Una chicca è il rosone decorato che sembra un ricamo in pietra, su una navata laterale nascosta, testimonianza delle numerose trasformazioni urbane intercorse nei secoli. Il 21 giugno, giorno del solstizio d'estate, il sole di mezzogiorno "entra" in chiesa e proietta in chiesa la "fotografia" riflessa del rosone. E si arriva poi al castello Dentice di Frasso (ingresso gratuito) che si erge nella parte più alta e che si caratterizza per la torre a mandorla che ricorda la prua di una nave. Nel fiabesco cortile, ornato da ficus, palme e da quattro enormi platani centenari, si ammirano la torre angioina del XIV secolo e la scenografica scala dei Grifoni.  Da qui sono passati principi e personaggi illustri come Guglielmo Marconi. Persino Vittorio Emanuele III fece sosta di due notti durante il periodo di Brindisi capitale d'Italia. Una leggenda racconta che tra queste mura sia stato murato il corpo di una bambina, nata - attorno al 1600 quando erano Signori i Caputo - da una storia passionale al di fuori del matrimonio tra un signorotto e una donna della servitù. Qualcuno dice di avvertire anche la presenza di un fantasma, si pensa a quello della contessa Maria d'Enghien, che ha fatto costruire la seconda parte del maniero, che di tanto in tanto si rivela con rumori o accarezzando la spalla dei turisti che si aggirano nelle sale.

Omonimo è anche il castello della vicina cittadina di San Vito dei Normanni. Nel cuore del centro storico, deve il suo nome alla famiglia che ancora oggi vi risiede (per visite su prenotazione 339 2003758, costo dieci euro, anche bed & breakfast di charme). Ed è proprio il conte ad accompagnare durante la visita. Ci si aggira di stanza in stanza, ben trenta, da quella “delle udienze”, dove si riceveva il popolo per parlare delle problematiche del paese, alla stanza delle “delle Dame” con pavimenti in ceramica proveniente da Vietri, soffitti affrescati, e una collezione di corpetti dell'800. Dentro un mondo incantato, fuori l'incanto dei ritmi lenti, della gente che si ferma a chiacchierare all'aperto nella piazza dedicata a Leonardo Leo, un musicista del '700 nato qui, e più volte set cinematografico. Sono stati girati, tra gli altri film, L'Uomo Nero di Sergio Rubini e Latin Lover di Cristina Comencini. Fuori la tradizione delle rezze, le tende realizzate con composta da bacchette di legno parallele tra loro che si trovano su ogni porta per proteggere dal sole. Vengono decorate (molte a cura dell'associazione Amarezza) e diventano delle vere proprie opere d'arte. E non solo: “Rezza … palcoscenico di amori fugaci, di sguardi rubati. Nascondiglio per occhi indiscreti, dretu la rezza sveliamo segreti…", perché la tenda è un modo per sparlare senza essere visti, per osservare, dare giudizi. Così a metà agosto tra le "stratodde" (le viuzze) si celebra la festa della "rezzica" e tutti, dietro le tende, sono autorizzati a dire di tutto: il pettegolezzo corre più veloce che in rete.

Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 2
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 3
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 4
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 5
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 6
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 7
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 8
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 9
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 10
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 11
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 12
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 13
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 14
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 15
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 16
Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento - Foto 17
indietro

News dal mondo Immobiliare

Mercato immobiliare, Locazioni: Fiaip chiede l’applicazione della cedolare secca a tutte le tipologie contrattuali

Baccarini (Fiaip): I dati forniti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze dimostrano che la cedolare secca ha sconfitto l’evasione fiscale nel campo delle locazioni

24/08/2018 - 09:34:31  – Fonte: Fiaip

Si è svolto oggi a Montecitorio un incontro tra l'On. Giorgia  Latini (Lega), il Presidente di Fiaip Gian Battista Baccarini, Paolo Righi, Presidente di Confassociazioni Immobiliare e Past President Fiaip ed una rappresentanza di Fiaip Marche composta dai dirigenti  Riccardo Gagliardi ed Emanuele Fiori . Al centro ...

CHI VENDE CASA PAGA IL NOTAIO?

Chi paga il costo del notaio: il venditore o l’acquirente dell’immobile?

16/03/2018 - 14:29:10  – Fonte: LEX CONSULT

La vendita o l’acquisto di una casa è un atto molto delicato, un po’ per le ripercussioni economiche che esso implica su chi vende e chi acquista, un po’ per le formalità che la legge impone, formalità che richiedono la presenza di un notaio. L’atto pubblico notarile (il cosiddetto «rogito») serve anche alla trascrizione della ...

Una Coalizione tra Notai e le Associazioni di Agenzie Immobiliari a tutela delle compravendite immobiliari

Sottoscritto oggi a Bologna il Protocollo di Intesa per la promozione e la diffusione della Dichiarazione Tecnica di Conformita' Catastale ed Edilizia.

13/06/2017 - 07:55:41  – Fonte: Fiaip News

Siglato oggi a Bologna il Protocollo di Intesa tra i notai dell’Emilia-Romagna e i rappresentanti delle Associazioni delle Agenzie Immobiliari. Il documento, è stato sottoscritto dal notaio Flavia Fiocchi (Presidente del Comitato Regionale dei Consigli Notarili dell’Emilia-Romagna), Gian Battista ...

Tra torri e grotte. Meraviglie dell'Alto Salento

Puglia. Tra Carovigno, Ceglie Messapica e San Vito dei Normanni, una visita letteralmente

27/04/2017 - 09:30:00  – Fonte: www.repubblica.it

«Torre Guaceto è un posto magico». Lo ha ripetuto più volte la cantante Elisa che ha girato il video clip del suo successo "Bruciare per Te" tra queste spiagge, passando per le ampie di sabbia, alle rocciose con alghe nere. «Sembrava uno scorcio di Cornovaglia, un paesaggio nordico», ha detto. E chiunque arrivi qui, in quest'angolo di Alto Salento - ...

Riuso degli immobili vuoti: una scommessa vincente per il mattone italiano

16/11/2016 - 12:41:58

Se il recupero del patrimonio immobiliare è un tema centrale in Italia, un capitolo a parte riguarda il riuso degli edifici vuoti tanto pubblici che privati. Come sottolineato da Silvia Viviani, presidente dell'Istituto nazionale di urbanistica - durante il convegno milanese di Urbanpromo - la scommessa è capire quali siano le qualità e le ...

Assicurazione terremoto, la situazione in Italia e come funzionano le polizze

15/11/2016 - 12:33:51

In Italia l’investimento in termini di protezione contro i danni è tra i più bassi rispetto al resto dei principali Paesi europei e la situazione è ancora più allarmante in relazione alla difesa contro catastrofi naturali: meno dell’1% delle abitazioni è assicurato per questa tipologia di rischio. Una fotografia scattata in occasione ...

Indice Istat affitti è negativo a ottobre: cosa succede ai canoni di locazione?

15/11/2016 - 12:33:22

Pubblicato sul sito Istat il nuovo indice dei prezzi al consumo (Foi) relativo al mese di ottobre 2016. La variazione rispetto allo scorso anno è negativa, ma questo non implica una riduzione del canone di locazione. Molti contratti non specificano rispetto a quale calcolo si adegua il canone di locazione, se con scatto mensile o annuale. Ma diversi proprietari per prassi ...

“Dobbiamo mettere al centro il cliente e chiederci se siamo pronti a competere sul mercato”

14/11/2016 - 12:37:51

Mettere al centro il cliente, offrire un buon servizio e fare Rete. Queste sono alcune delle priorità oggi dell’agente immobiliare secondo il presidente nazionale Fiaip, Paolo Righi, intervenuto all’edizione 2016 del Real Estate Innovation Forum. Competere sul mercato Paolo Righi ha parlato di assonanze tra il lavoro dell’agente immobiliare e quello ...

Imposta registro, Cassazione: “Stime Omi non sufficienti a determinare la valutazione dell'immobile”

14/11/2016 - 12:37:04

Le stime dell’Omi (Osservatorio del mercato immobiliare), quali meri valori presuntivi indiziari, non sono sufficienti a determinare una valutazione dell'immobile da parte dell'Agenzia tributaria e una conseguente richiesta di maggiori imposte da versare per la compravendita dello stesso. Per essere considerate attendibili devono essere accompagnate da altri elementi probatori. A ...